Alviani Getulio

Getulio Alviani nasce ad Udine il 5 settembre 1939 e rimane difficilmente inquadrabile grazie alla sua multidisciplinarietà essendo grafico, progettista, eccezionale designer e molto altro. Alla fine degli anni 50’ le prime “linee luce”, superfici metalliche che più avanti organizzate in moduli, diventeranno le ”superfici a testura vibratile”. Nel 1963 partecipa insieme agli altri artisti del gruppo ZERO ad una collettiva a Berlino “ZERO – der neue Idealismus”. Nel 1965 partecipa alla mostra allestita al MoMa di New York dal titolo “The responsive eye” realizzando i primi progetti con pareti speculari. Negli anni ’60 fa pienamente parte del movimento della op-art riconosciuto come esponente insieme a Soto, Vasarely ed altri.  Nel 64’, 86’ e nel 93’ espone alla Biennale di Venezia.  Nel 2000 è di nuovo presente al MoMa di New York nella mostra collettiva “Open ends”, museo che acquisisce una sua opera per la proprio collezione permanente. Alviani è presente nelle collezioni dei più importanti musei del mondo tra cui il MoMa di New York, Daimler Contemporary di Berlino, il Kunstmuseum Basel di Basilea, Victoria and Albert Museum a Londra e numerosi altri. Si spegne a Milano il 24 febbraio 2018.

Opere Uniche

Grafica e Multipli